Puoi aggiungere un testo qui (3) Puoi aggiungere un testo qui (4)  


  Home
  News



  Chi siamo
 Storia
 Squadra
 Stemmi Storici
  Kits
  Kits Storici
  Tifosi & Stadio
  Il mercato
  Gli Sponsor
  Albo d'Oro
  Record
  Bacheca Trofei
  Leggende
  Hall Of Fame



  Classifica
  Calendario
  Marcatori



  Libro degli ospiti
  Gemellaggi
  Vota il sito
Dopo la sconfitta come una Fenice ecco che il Real risorge e vince 0-3 contro l'Atalanta 86. 26/12/2012 8:47 pm 
Gli occhi di 8589 irriducibili spettatori presenti alla Veyn Arena sono volti a esorcizzare le nubi, Atalanta86 prevede un 3-5-2: De Viti, Diciolla, Lantieri, Capotosti, Ipanzer, Nottoli, Fiorentino, Appendino, Manieri, Campomagnani, Balto. Gli ospiti rispondono con il solito 4-4-2: Boldrini, Calamari, Postel, Aspening, Ługiewicz, Campellone, Forestier, Rivas, Rynkowski, Tapia, Siilasvuo.
Si sente il ringhio dei giocatori di Atalanta86 che hanno deciso di difendere a tutto campo sui loro avversari: un pressing veramente asfissiante, il Real tenterà di sorprendere la difesa avversaria con dei rapidi contropiede. Al 10° si verifica uno scontro aereo fra la testa di Diciolla e quella di un suo avversario, nulla di grave, ma rientra in campo con una vistosa fasciatura. La barriera disposta dai padroni di casa sulla punizione di Siilasvuo non è stata in grado di contenere il forte tiro che al 19° porta in vantaggio il Real. Sono trascorsi 27 minuti dall'inizio quando Manieri si apre un varco sul fianco sinistro della difesa avversaria: il portiere però è più rapido di lui e blocca con sicurezza. L'opportunismo di Postel viene premiato in occasione del gol del 0 a 2. Senza indugiare, i suoi compagni di squadra hanno aspettato l'infrangersi delle folate offensive avversarie e hanno ribaltato l'azione, regalandogli un pallone al centro dell'area che chiedeva solo di essere spinto in rete. Che classe! Intuizione geniale di un giocatore di Rivas, che al 30° pesca Calamari solo al centro dell'area. Il tiro però è da dimenticare e finisce alto sulla traversa. Si conclude così il primo tempo sul punteggio di 0-2, la ripresa si apre con i soliti cambi. Finta e doppio passo per Diciolla che, disorientato il suo marcatore, dalla destra converge verso il centro andando a concludere con un bel fendente, ma il portiere ospite abbranca in presa e si accinge al rinvio. Su di un cross proveniente da destra, il pallone sfugge alla presa di De Viti e Forestier con una zampata segna lo 0-3. Non regala altre emozioni e le squadre vanno negli spogliatoi.
Per i padroni di casa tra i migliori spicca Antonio Campomagnani, tra i flop Balto, mentre per il Real spicca sicuramente l'operato di Santiago Noriega e tra i flop Lucjan Ługiewicz.
Tutte le News
La stanchezza si vede e si sente crolla la corazzata Real in casa contro Roccat: 2-3 26/12/2012 6:36 pm 
Gli occhi di 19767 spettatori presenti al The Eagles Arena sono volti a esorcizzare le nubi che minacciano pioggia. Il Real schiera la sua formazione tipo 4-4-2: Boldrini, Calamari, Postel, Aspening, Ługiewicz, Campellone, Forestier, Rivas, Rynkowski, Tapia, Siilasvuo. Gli ospiti rispondono con un 3-5-2: de Assunção, Cumsille, Kristensen, Ochoa Casado, Bzdok, Combe, Popa, Koch, Klingbacher, Åhskog, Guillemot.
Åhskog porta in vantaggio gli ospiti su calcio di rigore fischiato per un fallo di mano in area, al 17° 0-1. È il 22° minuto quando, con una iniziativa personale, Siilasvuo apre un varco all'altezza della mediana avversaria e lascia partire un bel destro in corsa. La palla schizza verso lo specchio della porta avversaria, ma il portiere si fa trovare pronto e, per non rischiare la presa, devia in angolo. Lo scomposto intervento di Boldrini su Åhskog causa un calcio di rigore che lo stesso Åhskog calcia, portiere ancora battuto: 0-2. Partita in salita per il Real, almeno per la prima frazione di gioco. La ripresa si apre con alcuni cambi per cambiare le carte in gioco. Al 57° un cross dalla sinistra spiazza difensori ed attaccanti, Siilasvuo cerca di trarne vantaggio, ma è in ritardo e manca una facile conclusione a porta vuota. È il 70° minuto quando il direttore di gara, su segnalazione di un assistente, assegna un rigore ai padroni di casa per un fallo di mano che ci sembrava involontario. Siilasvuo non tradisce le aspettative e trasforma per l'1-2. L'incornata di Klingbacher, piazzatosi sul primo palo per sfruttare un calcio d'angolo, coglie in pieno il palo. La successiva deviazione di un giocatore avversario regala un altro corner a roccat. Åhskog segna il terzo ancora su rigore concesso per un fallo di mano in area e fa hattrick. Il contropiede è stato sventato dai difensori ma il Real è riuscito almeno a guadagnarsi un calcio di punizione. Tutti si aspettavano un tiro diretto, invece la palla è stata indirizzata proprio davanti al portiere. Gli attaccanti si sono dimostrati ben sincronizzati e hanno reso la vita difficile ai difensori che tentavano di proteggere la loro porta. Dopo qualche rimpallo, Noriega è stato lesto ad infilare la palla alle spalle del portiere, ma non basta per vincere e la partita si chiude sul 2–3 di rigore. Per il Real tra i migliori spicca Santiago Noriega tra i flop Lucjan Ługiewicz. Per gli ospiti invece Xavier Guillemot e invece deludente è la prova di Torodd Kristensen.
Tutte le News
Versilia 0 - 1 F.C. Real Star... Dopo una partita sofferta. Forse stanchezza? 26/12/2012 6:08 pm 
Sono giunti 10905 spettatori sugli spalti di un versilia stadium subissato da lampi e tuoni. Versilia ha optato per un 3-4-2: Justo, Cottin, Jannitti, Tetiker, Antes, Ðelmaš, Tortora, Schutt, Rágyánszki, Cavero. Gli ospiti rispondono con un 4-4-2: Boldrini, Calamari, Postel, Aspening, Ługiewicz, Campellone, Forestier, Rivas, Rynkowski, Tapia, Siilasvuo.

Il Real tenterà di sorprendere la difesa avversaria con dei rapidi contropiede, ma sono i padroni di casa a rendersi pericolosi tuttavia è pessima la conclusione di Antes che calcia sopra la traversa. Dopo 42 minuti, un passaggio lungo dalla difesa apre il contropiede per Campellone libero nell'area avversaria, purtroppo il tiro risulta alto. Il Real passa in vantaggio al 44° con Siilasvuo, liberatosi sulla sinistra, mette il pallone là dove il portiere non può arrivare: 0-1. Su questo risultato si chiude la prima metà di gara. Un ripasso della tattica di gioco ha aiutato i giocatori di versilia a recuperare un livello buono di organizzazione. Siilasvuo entra come una lama nel burro nella difesa avversaria al 52° e deve solo appoggiare in rete per incrementare il vantaggio, ma all'ultimo un difensore arriva dalla sinistra e spazza. Un passaggio filtrante raggiunge Siilasvuo lanciatosi oltre la linea difensiva avversaria e sul filo del fuorigioco. Troppa fretta nel concludere, ed il pallone si perde vicino alla bandierina del corner. Se per una squadra che gioca a memoria parliamo di giocatori che si trovano "a occhi chiusi", stavolta dobbiamo dire che gli undici di versilia li hanno ben spalancati, e nonostante questo spesso non riescono a trovarsi. Al 81° Tortora dà vita ad una bella incursione dalla sinistra, salta in velocità il diretto avversario ed effettua uno splendido tiro, ma una parata ancor più bella di Boldrini gli nega la gioia del gol. La partita si conclude 0-1, il secondo tempo di certo ha regalato più occasioni al Real, ma il gol è giunto nel primo.
Il giocatore più importante per versilia è stato senza ombra di dubbio Matteo Cavero. Román Justo non ha offerto una prestazione degna delle sue migliori giornate. Fra i giocatori di F.C. spicca sicuramente l'operato di Santiago Noriega. Lucjan Ługiewicz è stato proprio una delusione, sicuramente il peggiore del suo team. La partita è finita 0 - 1. Al rientro negli spogliatoi la squadra ospite viene accolta dagli applausi dei giocatori di casa disposti in due file. Anche il pubblico si alza in piedi per applaudire.
Tutte le News
Real - La Focasiana 03/12/2012 7:09 pm 
Cielo coperto ma niente pioggia al The Eagles Arena, gli spettatori sono 19612, la squadra di casa schiera un 4-4-2: Boldrini, Meschini, Calamari, Aspening, Ługiewicz, Campellone, Forestier, Rivas, Rynkowski, Tapia, Siilasvuo.
Gli ospiti rispondono con un 4-3-3: Lièvre, Zahedi, Benyo, Królak, Negrete, Galhardo, Barros Faria, Barbera, Pisciotta, Aimetti, Clavier.

F.C. tenterà di sorprendere la difesa avversaria con dei rapidi contropiede, Focosiana cercherà di fare pressione sui corridoi laterali per arrivare a rete. Il Real ottiene un rigore al 11°, ma Siilasvuo non riesce a sfruttarlo, colpendo male il pallone che viene parato da Lièvre. Al 29° Rivas è arrivato dalla destra, ha superato il suo marcatore con una finta e ha realizzato il gol dell'1-0. Calcio di punizione da posizione interessante e il Real prova uno schema con un lancio morbido all'altro lato dell'area di rigore, ma Meschini non riesce ad agganciare e l'azione si spegne sul fondo. Dopo 35 minuti Barros Faria esce dal raddoppio sulla destra e tenta di pareggiare le sorti dell'incontro con un pallonetto, ma il portiere, già fuori dai pali, ci arriva con uno straordinario colpo di reni. Azione di contropiede per F.C. quando sono trascorsi 36 minuti. Un passaggio filtrante raggiunge Aspening lanciatosi oltre la linea difensiva avversaria e sul filo del fuorigioco. Troppa fretta nel concludere, e il pallone si perde vicino alla bandierina del corner. Sull'1-0 si conclude la prima frazione di gioco, la ripresa si apre con i consueti cambi. Al 53° il Real allunga portandosi sul 2-0, la difesa ospite si è fatta soffiare il pallone da Siilasvuo che sopraggiungeva dalla fascia sinistra e, arrivato a tu per tu con il portiere, lo ha messo a sedere con una finta depositando in rete. Noriega devia di testa il pallone in direzione del liberissimo Meschini, che conclude con una bordata. Punizione a due fuori area quando siamo giunti al 78°, per la battuta si avvicinano in tre, ma dopo il tocco iniziale è Tavares che, senza rincorsa, colpisce d'effetto il pallone, mandandolo millimetricamente sotto l'incrocio dei pali, 4-0. Su questo risultato si chiude la partita.
Tra i migliori spicca Joel Siilasvuo e tra i flop Lucjan Ługiewicz, per i padroni di casa, mentre per gli ospiti tra i migliori c'è Casimiro Aimetti e tra i flop Álvaro Guzzi.
Tutte le News
Casoria - Real Star senza storia 0-9. 03/12/2012 6:58 pm 
Sono gli impermeabili dei 4998 spettatori a farla da padrone sugli spalti di un S.S.C Casoria Arena subissato da lampi e tuoni. La squadra di casa schiera un 4-4-2: Invernizzi, Gaspari, Mingarelli, Rosignoli, Menetti, Terramoccia, Stagni, Semeraro, Castellani, Tracca, Coluccia.
Gli ospiti con un 4-4-2 composto da: Boldrini, Meschini, Postel, Aspening, Ługiewicz, Campellone, Forestier, Rivas, Rynkowski, Tapia, Siilasvuo.

F.C. tenterà di sorprendere la difesa avversaria con dei rapidi contropiede. Tapia è una spina nel fianco destro della difesa di casa, al 13° raccoglie un pallone che si stava perdendo in fallo laterale, salta un uomo, e regala ai suoi tifosi la gioia del vantaggio. Al 21° un rapido scambio al centro dell'area di rigore si conclude con un bel passaggio filtrante per Tapia, 0-2. Siilasvuo non si lascia scappare l'occasione quando portiere e difensore non si capiscono e a il 26° sigla lo 0-3. Su questo risulato si conclude la prima frazione di gioco, la ripresa si apre con dei cambi per entrambe le squadre per migliorare l'apporriccio alla partita. Su di un tiro dalla bandierina, la prima conclusione di Meschini è debole, ma il portiere avversario smanaccia e Noriega insacca. Siilasvuo segna il 5° gol per il Real, arpionando un pallone a centro area, il tiro a seguire non è stato poi impeccabile, ma complice Invernizzi indeciso ha permesso all'attaccante di festeggiare. Su cross da destra Invernizzi non trattiene e Aspening devia per lo 0-6. Ługiewicz riesce a controllare un passaggio filtrante e poi è un giochetto segnare. Il campo è ridotto ormai a un pantano. All'87° il Real vuole dilagare Noriega affonda Invernizzi con un'azione dalla sinistra. All'88°dopo una bella triangolazione che porta Rynkowski al tiro e chiude la gara 0-9.

Ottavio Semeraro è stato autore di giocate memorabili, senza dubbio il migliore in campo nelle file di Casoria. David Mingarelli non ha offerto una prestazione degna delle sue migliori giornate. Fra i giocatori di F.C. spicca sicuramente l'operato di Santiago Noriega. Ola Aspening è stato proprio una delusione, sicuramente il peggiore del suo team. La partita si è conclusa 0 - 9. Si svolge come di consueto il cerimoniale di fairplay, con i giocatori delle due squadre che si scambiano una stretta di mano a centrocampo.
Tutte le News
 
Pages : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62