Puoi aggiungere un testo qui (3) Puoi aggiungere un testo qui (4)  


  Home
  News



  Chi siamo
 Storia
 Squadra
 Stemmi Storici
  Kits
  Kits Storici
  Tifosi & Stadio
  Il mercato
  Gli Sponsor
  Albo d'Oro
  Record
  Bacheca Trofei
  Leggende
  Hall Of Fame



  Classifica
  Calendario
  Marcatori



  Libro degli ospiti
  Gemellaggi
  Vota il sito
Intervista del dopo partita a Marasca. (Estratto) 05/02/2012 5:51 pm 
Giornalista Voce dello Sport: "Mister è stata una partita dura e combattuta è soddisfatto? Ha dei rimpianti?"
Marasca: "Salve, beh, la partita è stata davvero molto bella, dura combattuta e con uno spirito agonistico molto elevato. Mi dispiace per Ola e per il fallo brutto che ha fatto, così però sono contento che alla fine si sia svolto a centrocampo il far play perchè fa bene al calcio. I giocatori hanno fatto il tutto per tutto per vincere e c'erano quasi riusciti. Purtroppo in questa stagione partite che avevamo quasi in pugno ci sono fuggite così, ma capita." - Sospira - "Sono quindi soddisfatto, di più non potevamo fare, eravamo anche in dieci per gran parte del match e poi non ho nulla da rimproverare. Rimpianti non ne ho, se non quello di lasciare la squadra, ma sono convinto che possano fare davvero molto bene."
Giornalista:"Quindi abbandona?"
Marasca: "Si, ormai è quasi ufficiale, non so chi sarà il nuovo tecnico, ma a fine anno si avranno le idee chiare, cioè con l'inizio della nuova stagione."
Giornalista:"Cosa le è mancato quest'anno?"
Marasca: "Credo i gol, io ripartirei dalla nostra difesa che è stata davvero uno delle migliori, e se avessimo segnato qualche gol in più la permanenza credo che forse ce la saremmo meritata."
Giornalista: "Quindi sostiene di intervenire sul mercato?"
Marasca: "Intervenire sul mercato? No, non è il mio compito, e comunque hanno acquistato giocatori importanti davanti, ma abbiamo patito quei quattro cinque innesti che hanno fatto benissimo, ma non sono entrati subito nei meccanismi della squadra. Servirà tempo e qualche innesto forse nuovo potrebbe aiutare, ma io sono soddisfatto così, grazie e arrivederci."
Tutte le News
A testa alta! Roteide-Real Star: 2-2 05/02/2012 5:40 pm 
L'ultima giornata di campionato si chiude per il Real tra le mura ostiche della Roteide che schiera un 3-5-2: Mofina, Cachot, Lafuente, Van den Reym, Marcheggiani, Ondovilla, Ollus, Ebbers, Laskonogi, Macrì, Koether.
Gli ospiti rispondono con un 4-4-2: Boldrini, Meschini, Aspening, Postel, Calamari, Tavares, Agayof, Rivas, Rynkowski, Siilasvuo, Campellone.

ROTT ha una ghiotta occasione per passare in vantaggio al 15° minuto, quando un bel cross dalla destra pesca Marcheggiani tutto solo davanti al portiere che però non riesce a coordinarsi e la palla si stampa sul palo. Al 16° un ottimo intervento difensivo permette al Real di ripartire in contropiede e Siilasvuo scattato sul filo del fuorigioco, ha ricevuto puntualmente palla dalla destra segnando lo 0-1. Punizione dal limite per ROTT. Rob Van den Reym sistema la palla dove indicato dall'arbitro e, dopo aver atteso il piazzamento degli uomini della barriera, calcia un bel pallone carico d'effetto sul palo più lontano dalla zona di tiro. Volo dell'estremo difensore e pareggio mancato per i padroni di casa. Dopo un breve conciliabolo coi compagni Van den Reym si incarica di battere un calcio di punizione da posizione davvero interessante, al 28°. Breve rincorsa ... e tiro, che botta ragazzi, scalda le mani al portiere, ma la deviazione risulta comunque decisiva, pallone sul fondo. Sul parziale di 0-1 si chiude il primo tempo, il Real ha tenuto bene il campo nonostante l'inferiorità numerica.
Il secondo tempo si apre con Roteide alla ricerca del pareggio e l'area avversaria sembra essere assediata con diverse conclusioni dalla distanza, ma il pacchetto arretrato si oppone con mestiere ed efficacia. ROTT è determinata ad attaccare al centro, anche le sue azioni sulle fasce vengono deviate centralmente. All'82° Ebbers si smarca al centro, riceve palla e superato il portiere, calcia a colpo sicuro 1-1. Il Real non ci sta e ribalta subito il gioco aprendolo sulla destra e fornendo a Meschini l'opportunità di segnare all'85° l'1-2. La giornata è perfetta e lo è anche la tecnica di Ebbers con la difesa avversaria che fa veramente una gran fatica a stargli dietro. Tutti in piedi per riuscire a vedere l'azione sviluppatasi sull'out di sinistra, Laskonogi riceve palla e la disperata uscita di Boldrini non serve ad evitare il pareggio.

Tra i migliori per ROTT Marc Ebbers e tra i flop Robert Mofina, per gli ospiti invece Ciro Meschini e tra i flop spicca Roman Nonckiewicz.
Tutte le News
Il Real perde ma a testa alta! 0-1 contro New Stella Rossa 29/01/2012 5:49 pm 
Per l'ultima partita in casa della stagione, si registra il quasi tutto esaurito al The Eagles Arena, 11252 spettatori. Il real schiera un 4-4-2: Boldrini, Meschini, Aspening, Postel, Ługiewicz, Tavares, Agayof, Rivas, Rynkowski, Siilasvuo, Campellone.
Stella Rossa risponde con un 3-5-2: Quercia, den Braven, Violi, Agosti, Cubaque, Baumlin, 名海 (Minghai), Kleibeuker, Cimek, Caironi, Mårtensson.

La prima mezz'ora di gioco non rileva grandi azioni da parte di entrambe le squadre, che sembrano voler giocare per il pareggio. Al 37° stella mette a frutto una ottima azione originatasi sul fronte sinistro dell'attacco e si porta in vantaggio grazie al gran tiro di Alfonso Cubaque che batte il portiere mandando la palla sotto l'incrocio dei pali ed è 0-1. Al 41° Arkadiusz Cimek che ha anni di esperienza alle spalle e con un po' di astuzia stava prendendo la misura alla difesa avversaria e il suo talento gli ha quasi fruttato il gol. Si conclude così il primo tempo sul punteggio di 0 a 1 e con le due squadre che vanno negli spogliatoi.

La ripresa si apre con alcuni cambi, mirati a migliorare l'atteggiamento in campo delle squadre. Dopo 66 minuti, un passaggio lungo dalla difesa del Real apre il contropiede per Johann Postel libero nell'area avversaria, purtroppo il suo tiro risulta alto. stella è determinata ad attaccare sulle fasce, tutti i tentativi al centro vengono costantemente indirizzati verso i lati. Joel Siilasvuo avrebbe potuto pareggiare su calcio di punizione, ma il portiere riesce in qualche modo a farci arrivare la mano. Il risultato rimane invariato e così si conclude la partita sullo 0-1.

Il giocatore più importante per F.C. è stato senza ombra di dubbio Martín Campellone. Pessima gara per Roman Nonckiewicz. Il sito internet dei fan di stella ha eletto Driek Kleibeuker come migliore in campo. Marcello Agosti ha disputato una prova davvero deludente. La partita si chiude sul punteggio di 0 a 1. Malgrado l'agonismo mostrato in campo, i giocatori delle due squadre si radunano a centrocampo per il consueto cerimoniale di fairplay.
Tutte le News
Purtroppo non basta il coraggio e alla fine arriva la sconfitta, che segna la matematica retrocessione. 27/01/2012 1:41 am 
La squadra di casa schiera un 4-4-2: Koev, Abu-Alam, Ion, Samsonkin, Tonke, Papp, Torchia, Candela, Winter, Aranzábal, Fleita.
Gli ospiti rispondono con uno strategico 4-4-2: Boldrini, Meschini, Aspening, Postel, Ługiewicz, Tavares, Agayof, Rivas, Rynkowski, Siilasvuo, Campellone.

Il Real non ci sta a perdere e al 30° si rende pericoloso con un calcio di punizione che si infrange sulla traversa, calciato da Siilasvuo. Tre minuti più tardi risponde Aranzábal, presentandosi al tiro dopo uno scatto a tagliare centralmente la difesa, la palla però è finita di poco a lato. I padroni di casa bloccano un'azione pericolosa, ma vengono beffati da uno schema su calcio da fermo: la palla è lanciata velocemente verso un vertice dell'area, e poi subito verso l'altro e Lucjan Ługiewicz fa il resto mandanola a rete al 34°. Al 40° Ion interrompe un'azione offensiva e si lancia in un contropiede solitario, vola verso la porta avversaria ma sciupa miseramente calciando sui tabelloni pubblicitari. Sparta affonda spesso sulla sinistra nel tentativo di pareggiare e al 44°Torchia si libera in zona tiro: botta secca a mezza altezza e palo esterno. Sul capovolgimento di fronte il Real si rende pericoloso con Siilasvuo dalla sinistra che fa la barba al palo. Si conclude così il primo tempo sul punteggio di 0-1.
Alcuni cambi aprono la ripresa. Ancora il Real con Rivas che a tu per tu con il portiere Georgi Koev, ha tentato un pallonetto colpendo in pieno la traversa. Dopo 68 minuti Torchia si apre un varco sul fianco sinistro della difesa avversaria, il portiere però è più rapido di lui e blocca con sicurezza. Il contropiede del Real al 69° si conclude con un debole tiro dalla sinistra di Martín Campellone, nessun problema per il portiere. Johann Postel commette un errore grossolano che regala un calcio di punizione dal limite sprecato dagli avversari. In una confusa mischia in area, l'arbitro ha ravvisato gli estremi per un penalty che Eriq Tonke ha abilmente trasformato in gol, i padroni di casa così pareggiano al 88° minuto. Neanche il tempo di esultare che recuperano palla a centrocampo con Stefano Fleita che supera la difesa centrale ospite mettendo a segno il gol del 2 a 1 per Sparta. Così si conclude la partita, con il risultato nero di 2-1 e retrocessione per il Real che esce a testa alta e tra gli applausi.
Tra i migliori per Sparta Stefano Fleita e tra i flop Amal Abu-Alam. Mentre per il Real Martín Campellone tra i flop Roman Nonckiewicz.
Tutte le News
Le tenue speranze diventano utopiche dopo l'0-1 contro Joker Torino 14/01/2012 5:53 pm 
I padroni di casa per la penultima volta in questa stagione dinanzi al proprio pubblico schierano al The Eagles Arena un 4-4-2 classico: Boldrini, Meschini, Aspening, Postel, Ługiewicz, Tavares, Agayof, Rivas, Rynkowski, Siilasvuo, Noriega.
Gli ospiti rispondono con un 5-3-2: Alechnavičius, Fusco, Särkisaari, Peacock, Langella, Løvelund, Ardatana, Ritler, Mikołajczewski, Bendele, Crusco.
Nonostante dopo un avvio scilbo da ambedue le parti gli ospiti trovano il vantaggio al 32°, sovrapposizione centrale di Angelo Crusco, controllo al volo e tiro di collo pieno che supera anche l'intuito del portiere siglando lo 0 - 1. Per il resto del tempo null'altro da segnalare, una partita povera di emozioni e ricca di tanti e troppi falli.
Il secondo tempo si apre con qualche pizzico in più di iniziativa per i padroni di casa. Soprattutto con Guilherme Tavares che sembra essere in palla. Sguscia sulla destra dopo aver disorientato l'avversario con una finta di corpo. Peccato per la sua eccessiva fretta di concludere a rete, invece di avanzare ancora di qualche metro e piazzare la palla nel Sette. Calcia direttamente fra le braccia del portiere siamo giunti al 59° e buttata via una buona occasione per pareggiare. Joker cerca di incrementare il proprio vantaggio con un'incursione centrale, ma si concludono in un nulla di fatto. Stoico il portiere del Real che si rifiuta di lasciare il campo nonostante una brutta botta al tendine d'Achille. Il secondo tempo è stato nelle mani del Real, buon possesso palla, ma le scarse conclusioni e le azioni sprecate portano la squadra ad una distanza incolmabile da quelle che la precedono. La matematica non li condanna, ma la mancanza di vittorie è quasi una certezza.

Tra i migliori per F.C. bisogna senz'altro menzionare Ola Aspening, una prestazione eccezionale la sua. Roman Nonckiewicz ha disputato una prova davvero deludente. Il sito internet dei fan di Jok ha eletto Daniele Bendele come migliore in campo. Chissà che il coach di Jok non si sia pentito di aver schierato Gian Mattia Ardatana. La partita si chiude sul punteggio di 0 a 1. Malgrado l'agonismo mostrato in campo, i giocatori delle due squadre si radunano a centrocampo per il consueto cerimoniale di fairplay.
Tutte le News
 
Pages : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62